Wise Society : Un software per fermare il consumo di suolo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Un software per fermare il consumo di suolo

Si chiama "Sam4cp" e permetterà alla Provincia di Torino di valutare in anticipo gli effetti della trasformazione urbana prima di prendere decisioni

30 luglio 2014

Frana in Friuli Venezia Giulia - Foto Flickr by Mauro 742Il suolo è la “pelle del pianeta”, una risorsa ambientale limitata e non rigenerabile della quale nessuno si preoccupa. Men che mai le amministrazioni locali che, spesso, considerano il suolo come una risorsa da monetizzare senza curarsi delle conseguenze della continua espansione urbana e del cambio di destinazione d’uso del suolo stesso. Nemmeno le frane, le alluvioni e i continui allagamenti fanno scattare il campanello d’allarme. Eppure è risaputo che un ettaro di suolo non urbanizzato è in grado di trattenere fino a 3,7 milioni di litri di acqua senza che la comunità impegni alcuna risorsa per questo straordinario servizio che il suolo libero rende.

In aiuto alle amministrazioni arriva adesso un software per «valutare gli effetti degli interventi di trasformazione urbana, proponendo altre strade per valorizzare il contributo dei servizi ecosistemici». Il progetto, sviluppato dal programma europeo Life +, si chiama Sam4cp (Soil administration Models 4 community profit) e permetterà alla provincia di Torino (capofila del progetto), in collaborazione con l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca (Ispra), l’Istituto nazionale economia agraria (Inea) e il Politecnico di Torino di «avere un quadro degli effetti ambientali del consumo di suolo e di aumentare la consapevolezza dei vantaggi associati alla tutela del suolo e delle sue funzioni», spiegano dall’Ispra.

Si tratta, è stato sottolineato, di «un nuovo approccio alla pianificazione urbana. Il software è una risposta all’impermeabilizzazione del suolo che è la causa principale della perdita di biodiversità e della distruzione dei paesaggi rurali e naturali e – conclude l’Ispra – ai cambiamenti climatici locali favoriti dalla diminuzione di copertura vegetale e dalla diminuzione dell’evapotraspirazione in sinergia con il calore prodotto dal condizionamento dell’aria e dal traffico».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22822 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1929 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1540 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8854 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22826 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22824 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22827 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7928 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22825 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22823 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1140
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY