Wise Society : Più big data, meno inquinamento ambientale
ARTICOLI Vedi tutti >>

Più big data, meno inquinamento ambientale

Grazie ai big data città sempre più smart e collegate alla rete, riduzione dei tempi di spostamento dei veicoli e auto senza conducente

Fabio Di Todaro
26 settembre 2016
Inquinamento, big data,

Grazie ai big data un futuro con meno inquinamento ambientale, Foto iStock

I big data, ovvero quell’enorme mole di informazioni che ogni minuto viene generata da oggetti e persone, possono avere una ricaduta pratica anche sul traffico e, di conseguenza, sull’inquinamento ambientale. Un percorso di «smartizzazione» delle città che in Italia stenta decollare, sebbene per certi versi sia stato imboccato da capoluoghi quali Torino e Bolzano. Ma che appare ormai inesorabile, per fare in modo che anche le metropoli diventino (un po’ più) a misura d’uomo.

COSI’ I BIG-DATA RIVOLUZIONERANNO IL TRAFFICO – Il processo di evoluzione, dunque, riguarda pure l’urbe. Come questo accadrà nei prossimi anni anche in Italia, lo ha spiegato l’ingegner Carlo Ratti, torinese trapiantato da anni al Massachussetts Institute of Technology di Boston, nel corso di «The Future of Science», la conferenza organizzata ormai da dodici anni a Venezia dalla Fondazione Umberto Veronesi, dalla Fondazione Giorgio Cini e dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera. «La nostra è un’epoca in cui a essere collegate non sono più soltanto le persone – ha spiegato l’esperto -. Oggi oggetti ed individui si scambiano dati in continuazione. Una quantità enorme che necessità di strumenti per manipolarli e analizzarli al fine di trarne beneficio». Dalle città vengono emessi dati a ritmo continuo: se or ora le connessioni sono circa sette miliardi, nel 2020 risulteranno aumentate di sette volte. Un esempio concreto di come i big data potranno rivoluzionare il traffico nelle città è realtà già a Lisbona e a New York, dove il gruppo di ricerca di Ratti, analizzando i dati relativi agli spostamenti, è riuscito a ridurre del quaranta per cento il numero di taxi circolanti, attraverso la condivisione delle corse con altri utenti. «Studiando gli spostamenti delle automobili siamo stati in grado di mappare le tratte più percorse dai taxi. In collaborazione con Uberpool abbiamo sviluppato un sistema di condivisione di queste tratte. Più persone, utilizzando la stessa auto, possono arrivare al luogo prescelto». Come risultato si è ottenuta una riduzione delle auto circolanti e una velocizzazione dei trasporti, utilizzando un modello che oggi inizia a essere impiegato pure a San Francisco.

VANTAGGI ANCHE DALLE AUTO SENZA CONDUCENTE – In questo modo, nel corso

Inquinamento ambientale, big data

Big data: oggi connessioni sono circa sette miliardi, nel 2020 risulteranno aumentate di sette volte, Foto iStock

del secolo, andrà via via riducendosi il tran-tran mattutino che caratterizza la vita di tutte le famiglie: colazione da preparare, figli da vestire e da accompagnare a scuola. La prospettiva è quella di dimezzare i tempi dei trasporti cittadini, da qui ai prossimi cinquant’anni. Le città potranno diventare «smart» anche sfruttando la progressiva introduzione sul mercato dell’auto senza conducente. Il vantaggio non starà soltanto nel metterla in moto da solo: aspetto che non per forza determinerebbe una riduzione del traffico. «Quando andiamo a lavoro, la macchina rimane parcheggiata tutto il tempo in cui siamo in ufficio. Con le self driving car, invece, una volta arrivati a destinazione, la vettura tornerà al punto di partenza, pronta per essere utilizzata dai nostri famigliari», conclude Ratti. Le stime portano a ipotizzare una riduzione del venti per cento delle auto circolanti, grazie a questo stratagemma. Potere dei big data.

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Carlo Ratti
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25512 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7366 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26584 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20638 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26585 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15186 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9540 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24238
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY