Wise Society : 22 marzo: Giornata mondiale dell’acqua. Per riflettere e agire
SPECIALE : La guida per conoscere l’acqua
ARTICOLI Vedi tutti >>

22 marzo: Giornata mondiale dell’acqua. Per riflettere e agire

Voluta dall'Onu, la Giornata mondiale dell'acqua è un'occasione per diffondere dati su una risorsa che già oggi non basta agli abitanti del pianeta. Per preservarla è necessaria un'immediata riduzione di sprechi e inquinamento. E un consumo più intelligente

Francesca Tozzi
21 marzo 2013

Il mare sembra sempre infinito e così l’acqua è comunemente percepita come una risorsa inesauribile. Così non è se è vero che già oggi, secondo i dati diffusi dal Worldwatch Institute, circa 1,2 miliardi di persone, quasi un quinto del mondo, vive in aree del pianeta dove l’acqua scarseggia mentre un altro miliardo e mezzo deve confrontarsi con difficoltà quotidiane di approvvigionamento. Per sensibilizzare Stati e opinione pubblica alla tutela e salvaguardia delle risorse idriche minacciate da inquinamento e sprechi, l’Onu ha istituito per il 22 marzo, domani, la Giornata mondiale dell’acqua.

La situazione è poi destinata ad aggravarsi a causa soprattutto della crescita della popolazione che, in alcuni Paesi, come Cina, Stati Uniti ed India, è associata a una forte industrializzazione, all’allevamento intensivo oltre alla coltura di cereali e quindi a un consumo effettivo di risorse idriche superiore alla media. Entro il 2025, secondo le stime, quasi la metà della popolazione mondiale potrebbe trovarsi in una situazione di stress idrico in coincidenza con il problema del surriscaldamento globale e con sempre meno soldi da investire nella gestione oculata delle risorse naturali.

 Il nostro Paese è tra i più ricchi di risorse idriche al mondo: il 97% dell’acqua dolce in Italia si trova nelle falde acquifere. Parte di queste acque sotterranee, scorrendo per molto tempo a contatto con le rocce, si arricchisce di sostanze preziose che la trasformano in acqua minerale. Proprio la natura di queste rocce caratterizza le 431 diverse acque minerali presenti sul territorio nazionale, di cui circa 300 imbottigliate. Non è un caso, quindi, che da noi l’acqua in bottiglia rappresenti un vero e proprio business con introiti enormi per le aziende e scarsissimi ritorni per le Regioni, alti costi per i consumatori e un pesante impatto ambientale.

Si parla, evidenzia Legambiente, di un giro d’affari pari a 2,25 miliardi di euro che riguarda 168 società per 304 diverse marche commerciali. Senza dimenticare gli oltre 6 miliardi di bottiglie di plastica prodotte utilizzando 456 mila tonnellate di petrolio, che determinano l’immissione in atmosfera di oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2. L’acqua del rubinetto è pulita e buona in molte città. Si può bere e utilizzare in tutta tranquillità. Senza sprecarla.

Foto di shutterstock

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 374 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 376 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20308 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11243 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3065 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7814 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11022 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 309 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2907
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY