Wise Society : Sostenibilità alimentare: dimmi come mangi e ti dirò chi sei
SPECIALE : Cibo biologico
ARTICOLI Vedi tutti >>

Sostenibilità alimentare: dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Il rapporto con gli acquisti etici e responsabili si rivela sfaccettato e disomogeneo

Ilaria Lucchetti
27 novembre 2012

foto di the bridge/flickrLe confezioni, il contenuto e le etichette del cibo che noi italiani compriamo sono stati oggetto della ricerca Ipsos, promossa da Tetra Pak Italia, “Buon appetito. A tavola più responsabili“, presentata di recente.

Quello che rimanda l’indagine svolta su un campione di 1.063 connazionali tra i 18 e i 59 anni è un quadro variegato del rapporto che il nostro Paese ha con la sostenibilità alimentare.

Infatti, il 71% si dichiara sensibile al packaging nella scelta dei prodotti, con una percentuale che sale addirittura all’84% nell’attenzione prestata a quanto riportato sulle etichette, soprattutto con riferimento al contenuto di grassi, zuccheri e sale. E il 59% afferma di preferire le confezioni rispettose dell’ambiente.

Ma proprio sui temi ambientali ed etici, il campione si spacca quasi a metà: il 53% risponde di non avere grande familiarità con il concetto di sviluppo sostenibile, mentre il restante 47% ritiene che la tutela delle risorse e la conduzione delle attività in un’ottica di rispetto ambientale siano gli elementi discriminanti per definire un’azienda responsabile.

Più nel dettaglio dei comportamenti di spesa, il 55% degli intervistati si dice acquirente di prodotti sostenibili e chi, al contrario, si orienta su altri tipi di alimentari dichiara di farlo a causa dei prezzi ancora troppo elevati. Nonostante questo, il 55% delle persone sarebbe disposto a sborsare fino al 10% in più pur di portarsi a casa un prodotto realizzato da aziende responsabili. Anche se va registrato che la fetta di consumatori consapevoli e sostenibili a ogni costo è diminuita notevolmente rispetto a due anni fa, quando il dato si attestava a una percentuale molto più alta, pari al 71%. Flessione dovuta con ogni probabilità al permanere della crisi economico-finanziaria che ha tolto ossigeno alle possibilità di spesa del Paese.

 

Salva

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *