Wise Society : Ridurre il consumo di carne aiuta l’ambiente?
ARTICOLI Vedi tutti >>

Ridurre il consumo di carne aiuta l’ambiente?

E nel dibattito aperto c'è anche chi sostiene che, per la propria salute, sarebbe meglio consumarne meno

Mariella Caruso
5 novembre 2014

Allevamenti (foto Mariella Caruso)Quanto costa all’ambiente il consumo di carne? Il dibattito sull’argomento è acceso. Secondo la Fao il 18% dei gas serra presenti nell’ambiente derivano dagli allevamenti. Per non parlare della waterfoot print di un chilo di carne che equivarrebbe a circa 15.000 litri d’acqua. Dati che, insieme alla sempre maggiore sensibilizzazione nei confronti dell’ambiente, non possono non far sorgere domande. Anche perché l’aumento della popolazione mondiale fino ai 13 milioni di abitanti previsti per il 2100 farebbe aumentare a dismisura gli allevamenti per coprire il fabbisogno alimentare mondiale. Cosa fare?

«Imparare a consumare consapevolmente e a leggere correttamente i dati delle ricerche,» dicono Assica, Assocarni e Una Italia, le tre associazioni italiane di categoria che raccolgono i produttori e i trasformatori di carne che, in occasione di Expo 2015, hanno deciso di lanciare il rapporto “carni sostenibili” e la clessidra ambientale. «La stesura del rapporto ha richiesto due anni di lavoro», ha spiegato Alessandro Cecchi Paone cui è stato dato il compito di moderare la conferenza di presentazione dei dati pubblicati nel sito www.carnisostenibili.it.

La clessidra ambientale

A essere esaminato, con l’ausilio di esperti nutrizionisti, medici e ricercatori, è stato intanto il consumo di carne: apparentemente la media giornaliera è di 235 gr. al giorno, invece secondo i dati diffusi dalla ricerca ci si ferma circa a 85 grammi. «Seguendo le indicazioni alimentari dell’Inran (oggi Cra-Nut) quantificate in 14 porzioni a settimana di carne, pesce, uova, legumi e salumi per un totale di circa 650 gr di carne e di 35 di frutta e ortaggi, pari a 6.250 gr, il carbon foot print totale è di 23,7 Kg CO2 con un impatto sull’ambiente – sottolinea la ricerca elaborata estrapolando dati di lavori preesistenti – sostanzialmente equivalente tra le due produzioni». Anche il consumo di acqua nell’allevamento «non è un problema perché il 94% dei 1.500 litri d’acqua che servono per produrre una bistecca da 100 gr è costituito da acqua piovana – ha aggiunto Ettore Capri, direttore del Centro di ricerca per lo sviluppo sostenibile – mentre quella di cui ci si deve preoccupare è il 6% di acqua».

Water footprint della carne bovina

«L’impatto delle scelte alimentari in molti casi, quindi, è inferiore a quello derivante da altre decisioni quotidiani come, ad esempio, la scelta del tipo di auto», ha affermato Massimo Marino che ha misurato gli impatti ambientali con la metodologia del Life Cycle Assessment. «In un’alimentazione equilibrata occorrerebbe consumare un etto di carne per cinque porzioni settimanali in abbinamento con le verdure », ha poi sottolineato Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e membro del comitato “Scuola per Expo 2015”.

Posizioni interessate? Di sicuro il punto di vista dei finanziatori della ricerca è sicuramente quello di rassicurare sul consumo coloro che sono sempre più attenti all’impatto ambientale dei propri comportamenti. Diversa, invece, la questione legata alle conseguenze sulla salute del consumo di carne che, spesso, viene messa sul banco degli imputati come alimento cancerogeno. «Più che il consumo che deve rimanere nelle quantità indicate, è importante il tipo di cottura – ha concluso Stefano Zurrida, membro del comitato scientifico della Fondazione Umberto Veronesi – e che molti rischi dipendono dalla filiera alimentare: congelare la carne, per esempio, diminuisce l’incidenza del tumore allo stomaco dal 50 al 70%».

http://www.youtube.com/watch?v=eFuth1VspHM

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

2 risposte a Ridurre il consumo di carne aiuta l’ambiente?

  1. M

    Bisognava confrontare CARBON e WATER footprint di sole proteine: mettere a confronto proteine animali (carne, latte, uova etc.) con proteine vegetali (legumi etc.).

    Non ha alcun senso confrontarli con le verdure, pensano veramente di farci credere che un vegetaliano inveve di mangiare 100g di bistecca mangi 1kg di insalata? No, al posto della bistecca mangerà legumi, frutta secca e altre fonte di proteine vegetali…

  2. Tommaso Querini

    Un articolo analizza nel dettaglio perché la #ClessidraAmbientale e il report di Carni Sostenibili sono fallaci: https://dl.dropboxusercontent.com/u/19149997/Girare%20la%20Clessidra%20Ambientale.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11507 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2560 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1056 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10518 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 658 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23321 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 408 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23320 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23317
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY