Wise Society : Le rivelazioni del manager (pentito) dell’industria alimentare in un libro
ARTICOLI Vedi tutti >>

Le rivelazioni del manager (pentito) dell’industria alimentare in un libro

Nel suo libro-confessione, l'ingegnere agroalimentare Christophe Brusset mette in guardia dai cibi in scatola e a basso prezzo, rivelando anche retroscena raccapriccianti

Mariella Caruso/Nabu
2 maggio 2017
industria alimentare, brusset, sofisticazioni

La copertina del libro “Siete pazzi a mangiarlo” di Christophe Brusset che parla dell’industria alimentare e di quello che arriva sulle nostre tavole

Comprare meno ma comprare meglio anche spendendo un po’ di più, perché nei prodotti economici il pericolo di mangiare schifezze è davvero molto alto. È questo, in sintesi il consiglio principale che viene fuori dal piccolo vademecum in calce al libro Siete pazzi a mangiarlo (Piemme, 2016), scritto dal francese Christophe Brusset, un “pentito” dell’industria alimentare.

Il libro – titolo originale Vous êtes fous d’avaler ça! (Flammarion 2015) – è, di fatto una sorta di confessione-pentimento, raccontata anche con toni eclatanti dall’ingegnere agroalimentare Brusset, che dopo 20 anni nel settore acquisizione/vendite in alcune delle principali multinazionali del cibo racconta, in prima persona e con il tono ammiccante della rivelazione  i meccanismi di sofisticazione dell’industria alimentare, dopo esserne stato testimone e complice. «Per quasi vent’anni – scrive l’autore – ho lavorato per grandi aziende del settore agroalimentare, molto note e tutte ampiamente fornite di certificazioni e marchi di qualità, ma la cui etica era solo una facciata. Per queste società, il cibo non ha nulla di nobile: si tratta unicamente di un business».

L’autore svela i viaggi delle materie prime da una frontiera all’altra, racconta quali procedure e trucchi si nascondono dietro i prodotti che troviamo sugli scaffali, e cerca di spiegare come la superofferta nei grandi supermercati sia da evitare quasi sempre perché, generalmente, è sinonimo di bassa qualità e potenzialmente.

Brusset stila una vera e propria lista di contraffazioni e di miscugli che vengono proposti al posto di quelle che dovrebbero essere ricette a lunga scadenza, a partire dalle marmellate in scatola “sorbato di potassio, benzoato di sodio e sei, sette acheni delle fragole per simulare la presenza della frutta” e le puree, passando per il miele: «un vasetto di miele su due in commercio è di origine straniera, il più delle volte cinese, e spesso non ha visto neppure un’ape».

Non solo contraffazione, sofisticazione  e provenienza. Per Brusset, è stato uno scandalo made in Europe, ovvero quello della carne di cavallo al posto del manzo nelle lasagne, a far scattare la scintilla e la sua voglia di raccontare quel che ha visto in quel mondo che in nome del “dio guadagno” spingerebbe il produttore a infilare nei barattoli qualunque cosa: dagli escrementi di topo alla segatura, dai pesticidi ai coloranti per vernici, solventi, antibiotici, ormoni che stimolano l’appetito. Un esempio su tutti l’origano che, secondo il racconto di Brusset, verrebbe sostituito in percentuali sempre maggiori dal sommacco; le spezie in polvere mescolate ad escrementi di ratto; il basilico o il prezzemolo inscatolati assieme a coccinelle e i formaggi che sarebbero mescolati con acqua, latte in polvere, polifosfati, citrato di sodio e acido citrico e i salumi gonfiati con polifosfati per renderli più pesanti, poi immersi in un bagno di additivi.

industria alimentare, brusset, sofisticazioni

Secondo Brusset, sono molti i magheggi e le sofisticazioni perpetrati dall’industria alimentare, Image by iStock

«Non comprate più a occhi chiusi – avverte Brusset -, pretendete che i politici, le associazioni dei consumatori e l’industria si impegnino seriamente a stabilire una serie di norme di qualità e di onestà; siate vigili, diffidenti, cercate le informazioni nascoste e condividetele. Utilizzate i social network per fare pressione ed esigere un’alimentazione di qualità. Battetevi per il divieto totale dell’uso nel vostro cibo di molecole artificiali prive del minimo interesse nutrizionale, che vi avvelenano in modo subdolo e insidioso e sono una delle principali cause di allergie, disturbi comportamentali e altri disordini più gravi sul lungo periodo. Prendete le redini della vostra alimentazione, mangiate sano, e possiate vivere a lungo e in buona salute».

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a Le rivelazioni del manager (pentito) dell’industria alimentare in un libro

  1. Antonio

    Metterei in galera lui per primo, che prima ha guadagnato col suo lavoro ed ora vuole guadagnare con i consigli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27541 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 527 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2770 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27539 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27537 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11505 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10661 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10617 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7014 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12951 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27536 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24082 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27538 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27540
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY