Wise Society : Crisi: meno acquisti, più km zero
ARTICOLI Vedi tutti >>

Crisi: meno acquisti, più km zero

Gli italiani tagliano la spesa alimentare nei supermercati, nei piccoli negozi e perfino nei discount. Ma Gas, acquisti a km zero e a domicilio stanno crescendo bene

Francesca Tozzi
27 giugno 2012

Quando i soldi non bastano, si compra di meno e non si va in vacanza. La crisi spinge a tagliare gli acquisti voluttuari ma anche quelli alimentari: secondo quanto emerge da un’analisi della Coldiretti/Swg basata sui dati Istat relativi al commercio al dettaglio, sei italiani su dieci (61%) hanno modificato al risparmio i propri comportamenti di acquisto confrontando con più attenzione i prezzi nel momento di riempire il carrello, ma anche riducendo gli acquisti.

Mangiano meno frutta (-3%) e non va bene, bevono meno vino (-2%), consumano meno carne di maiale (-2%). L’indagine evidenzia una caduta del 6,1 % del comparto alimentare ad aprile rispetto allo stesso mese 2011, la più forte almeno da gennaio 2001. Il 59% degli italiani va alla ricerca delle offerte 3 x 2 molto di più rispetto al passato. La crisi ha ridotto lo spreco di cibo nel 57% dei casi anche riducendo le dosi acquistate (31%).

 Ma se ipermercati, discount e soprattutto i piccoli negozi soffrono, crescono i modelli di spesa alternativa, dalle vendite porta a porta ai gruppi di acquisto solidale (Gas) fino alla spesa a km zero. Secondo Coldiretti, oltre 9 milioni di italiani in un anno ha fatto la spesa direttamente dai produttori nelle aziende agricole o nei mercati di campagna amica. «Una tendenza positiva, come quella registrata dalla vendita del cibo a domicilio, che ha chiuso il 2011 con un aumento del giro d’affari del 3,4% rispetto al 2010, assestandosi su oltre 223 milioni di euro. Sono inoltre diventati oltre 800 – conclude la Coldiretti – i gruppi di acquisto solidale (Gas) strutturati presenti lungo tutto il territorio nazionale anche se una maggiore concentrazione si segnala in Lombardia, Toscana, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna».

Foto di Guido Bramante/flickr

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 401 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7587 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 953 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2906 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 955 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13060 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1798 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14052 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14053
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY