Wise Society : Celiachia, una startup italiana promette libertà dal glutine
SPECIALE : Le insidie della Celiachia
ARTICOLI Vedi tutti >>

Celiachia, una startup italiana promette libertà dal glutine

New Gluten World ha messo a punto un metodo low cost per la detossificazione delle proteine del glutine, per produrre farine con le stesse caratteristiche di quelle classiche, ma utilizzabili da tutti

Andrea Ballocchi
21 agosto 2017

La celiachia è la più frequente intolleranza alimentare a livello globale. Solo in Italia sono più di 182mila le persone diagnosticate ufficialmente nel 2015, tre volte tanto rispetto al 2007. Per chi è celiaco l’unica terapia utile è la dieta senza glutine. Negli ultimi anni l’industria alimentare propone diverse alternative gluten-free a pane, pasta, pizza… Tuttavia il costo dei prodotti è ben più elevato rispetto al corrispettivo tradizionale.

celiachia, glutine, newglutenworld, lamacchia

Glutine: una startup italiana ha messo a punto un’alternativa low cost che mira a definire il processo di detossificazione delle proteine del glutine, grazie al quale è possibile realizzare farine impiegabili per produrre alimenti con qualità sensoriali e nutrizionali, tali da essere consumati da tutti, celiaci compresi, Foto: New Gluten World

Una startup italiana, New Gluten World, ha messo a punto un’alternativa low cost che mira a definire il processo di detossificazione delle proteine del glutine, grazie al quale è possibile realizzare farine impiegabili per produrre alimenti con qualità sensoriali e nutrizionali, tali da essere consumati da tutti, celiaci compresi. La soluzione tecnologica ideata non sottrae il glutine dalle farine, ma ne elimina la componente tossica mediante un processo chimico-fisico a basso costo, non alterando le proprietà sensoriali e nutrizionali del cereale né impiegando enzimi o sostanze chimiche.

Tutto è partito dall’intuizione di Carmela Lamacchia, laurea in chimica e tecnologia farmaceutiche e Ph.D. in Biotechnology presso il Dipartimento di Scienze dell’Agricoltura dell’Università di Bristol (Inghilterra). «In Puglia nei campi di grano dopo il raccolto, i contadini bruciano le stoppe per ripulire il campo e poi si raccolgono i chicchi bruciati rimasti a terra: quello è il grano arso – spiega – Nel 2010, come chimica e ricercatrice dell’Università di Foggia, m’interessai alle proprietà molecolari del grano arso. Mi accorsi che nei chicchi di grano esposti a forte calore, le proteine del glutine non si aggregavano, al contrario di quanto succede nella farina impastata e infornata. Le proteine nel chicco, cioè, si comportavano in un modo che non aveva riscontri in letteratura. Ho iniziato quindi a ipotizzare che col calore si potessero plasmare le proteine del glutine all’interno del chicco, dove convivono separate fra loro, ma senza arrivare a bruciare il grano. È così che è nato il glutine amico di tutti, che ho chiamato Gluten Friendly».

IL METODO IN SINTESI – Nel 2015, insieme all’Università di Foggia, Lamacchia ha brevettato la tecnologia Gluten Friendly in Italia e di recente il brevetto è stato riconosciuto in tutta Europa. E ha ottenuto diversi prestigiosi riconoscimenti, nazionali e internazionali. «Questa tecnologia di detossificazione si basa su un processo fisico-chimico a basso impatto ambientale – illustra la scienziata – Usiamo solo calore e acqua, consumiamo energia elettrica, e alla fine del processo non c’è inquinamento. Il chicco di grano intero viene esposto ad alte temperature, secondo parametri brevettati di tempo, umidità, e asciugatura». La detossificazione è il risultato di un delicato equilibrio fra tutti questi fattori, che alla fine producono uno stabile cambiamento conformazionale all’interno delle proteine del glutine, senza intaccarne le proprietà organolettiche. «Le nostre prove di laboratorio ci dimostrano che dopo il trattamento, il glutine della farina Gluten Friendly perde tra il 90 e il 99% del suo potenziale tossico – prosegue Lamacchia – Noi scienziati diciamo che si spegne l’immunogenicità. In altre parole, mentre prima il glutine veniva riconosciuto e mandava in allarme il sistema immunitario dei pazienti celiaci, adesso passa inosservato e perciò non scatena più la reazione autoimmune». Col proprio gruppo di ricerca la scienziata ha pubblicato due studi in proposito, sulla rivista scientifica Food Chemistry Journal. «Abbiamo anche scritto sulla rivista Plos One del sorprendente effetto probiotico della mia molecola detossificata. Su quel fronte, però, siamo ancora agli inizi».

celiachia, glutine, newglutenworld, lamacchia

Carmela Lamacchia Ph.D. in Biotechnology , ha brevettato la tecnologia Gluten Friendly plasmando le proteine del glutine all’interno del chicco attraverso il calore, Foto: New Gluten World

SU MISURA PER TUTTI I CEREALI – Ogni cereale può essere oggetto di trattamento, anche se ha particolari caratteristiche interne ed esterne che necessitano di un aggiustamento su misura della formula, per far sì che le proteine del glutine subiscano i necessari cambiamenti conformazionali. «La scelta strategica di New Gluten World è stata di mettere a punto un trattamento per il grano duro e il grano tenero, le due varietà più diffuse al mondo per fare la pasta, il pane, la pizza, e il resto dei prodotti da forno. In futuro lavoreremo anche su altri cereali. Pensando all’orzo e alla segale, per esempio, potremmo aprire la strada alle birre, e ad una serie di prodotti lievitati tipici dei paesi nordeuropei. Insomma, il cereale non conta. Per New Gluten World lo scopo è di ridurre l’impatto sociale negativo dei disturbi legati al glutine», afferma. Ma le farine, una volta trattate, saranno lavorabili come prima? La risposta è sì. «La detossificazione del chicco di grano intero, ne preserva tutte le preziose proprietà organolettiche. Le farine Gluten Friendly diventano pane, pasta, pizza e tutto il resto. Lievitano, profumano, scrocchiano… e sono soffici dentro. Da un punto di vista molecolare, ciò dipende dal fatto che anche dopo la detossificazione il glutine mantiene la sua caratteristica forma a molla, che è appunto responsabile dell’elasticità di ogni impasto. Per molti celiaci, il problema emotivo della nostalgia verso pane pasta o pizza, è reale. Basta osservare con quanto impegno l’industria gluten free cerca di imitare il gusto dei prodotti da grano. Ma nel tentativo di avvicinarsi al sapore del grano, purtroppo, il prodotto gluten free spesso viene infarcito di amidi, acidi grassi e zuccheri semplici. Si salva l’intestino, ma alla lunga non si aiuta la salute da tanti altri punti di vista. La tecnologia di New Gluten World risolve il problema nel chicco, ridando ai celiaci i piaceri della dieta mediterranea e la libertà di una vita sociale senza barriere alimentari», conclude la scienziata.

A CHE PUNTO È LA RICERCA – Dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, «siamo in una fase di sperimentazione avanzata» risponde Lamacchia, segnalando che i dati di laboratorio confermano che «siamo in grado di riprodurre la detossificazione in modo preciso e costante». Contemporaneamente, stanno lavorando alla prototipazione di forni sempre più grandi per la detossificazione di grano in quantità adeguate alla futura fase industriale delle farine Gluten Friendly. L’obiettivo è la diffusione globale del metodo Gluten Friendly. Il Gruppo Casillo, attore mondiale mondiale nell’acquisto, trasformazione e commercializzazione del grano, che è socio, ha acquistato da New Gluten World una licenza come produttore, per l’applicazione della tecnologia Gluten Friendly in Europa.

COSTI CONTENUTI – Il metodo si propone come low cost. Una buona notizia per i pazienti celiaci se «pensiamo prima di tutto alle spese che affrontano i pazienti celiaci nel mondo, semplicemente per mangiare – segnala Lamacchia – Parliamo del doppio o del triplo di quello che spende una persona sana. Con quelle cifre, uno potrebbe andare in pizzeria tutti i giorni». Alcuni sistemi sanitari nazionali, come quello italiano, hanno stabilito a norma di legge un sostegno economico garantito a tutti i cittadini affetti da celiachia. «Sono spese importanti, sostenute dai contribuenti, e sulle quali l’industria gluten free applica le regole del libero mercato, così come fanno anche i distributori al dettaglio, incluse le farmacie – ribadisce – New Gluten World ha scelto di imporre a tutte le aziende licenziatarie della nostra tecnologia parametri di prezzo paragonabili a quelli di pane e pasta convenzionali. Il motivo è semplice: i costi industriali aggiuntivi del processo di detossificazione sono molto contenuti. Perciò, i prezzi dovranno riflettere la virtuosità anche finanziaria di questa tecnologia. Facendo un confronto, si potrebbe ipotizzare che i prodotti Gluten Friendly costeranno un terzo del gluten free».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26265 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28228 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 296 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28233 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28236 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26279 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22706 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28229 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28234 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28235 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 299 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28226 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28232 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28227 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28231 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28230
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY