Wise Society : Attenzione al cibo “cattivo”: può dare dipendenza come alcool e droghe
SPECIALE : Combattere l’obesità
ARTICOLI Vedi tutti >>

Attenzione al cibo “cattivo”: può dare dipendenza come alcool e droghe

Molto di quello che mangiamo contiene ingredienti dannosi che innescano nel nostro cervello meccanismi di assuefazione. Ecco perchè l'obesità è sempre più diffusa nel mondo e cosa dovremmo fare per prevenirla

Fiorenza Da Rold
15 settembre 2011

Scultura di John Isaac’s 2003. L'immagine illustra come l'obesità è diventata un problema medico, ed è stato progettato per mostrare come una persona obesa potrebbe percepire se stessi. Album di grahamc99/flickrIl cibo sta diventando sempre più un’insidia, una vera e propria dipendenza. L’obesità è ormai un fenomeno worldwide: non più soltanto numeri record negli Stati Uniti, ma adesso anche in Russia e persino nei Paesi in via di sviluppo contaminati dalla globalizzazione. È il grido d’allarme lanciato  da tutti i più importanti organismi internazionali a cominciare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Come si spiega? In perfetto accordo con gli avanzati meccanismi del postconsumismo, il cibo è sempre più facilmente disponibile e al centro di un’economia improntata al profitto: con un’industria che lo produce utilizzando parametri sempre più sofisticati per incentivare i consumi, a scapito anche della genuinità dei prodotti. Basta guardare l’etichetta degli alimenti industriali per verificare spesso la presenza di ingredienti (zuccheri chimici, grassi idrogenati, sale, esaltatori di sapidità) in grado di provocare quasi assuefazione a livello gustativo senza aggiungere valore alla nutrizione e in alcuni casi provocando danni alla salute, tra cui sovrappeso e obesità. Come funziona tale processo biologico? Succede che gli attributi gratificanti del cibo soppiantino la reale necessità alimentare delle persone, mediante una vera e propria interferenza con i sistemi cerebrali che ne regolano l’assunzione. Così, ai meccanismi metabolici (che regolano l’istinto della fame e i livelli dei vari nutrienti nel sangue e nei depositi corporei) si sostituiscono pericolosamente quelli edonici (basati sugli attributi puramente gratificatori del cibo), i quali utilizzano i circuiti cerebrali coinvolti nell’addiction. A questa conclusione sono arrivati i ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Univesità di Oxford  e dell’Università di Leeds che hanno pubblicato due articoli scientifici, completi di dati, dai quali emerge che nei processi di attrazione al cibo la componente del liking (la parte alimentare affettiva) si mescola ambiguamente con quella del wanting (la parte alimentare compulsiva), proprio come nei comportamenti di dipendenza.

L’potesi è ulteriormente confermata da alcune ricerche in corso all’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare del CNR a Milano: lo studio del cervello attraverso la PET ha evidenziato infatti nei soggetti obesi alcune anomalie nelle risposte dei recettori cerebrali in relazione alle loro alterazioni del comportamento alimentare; si tratta dello stesso tipo di recettori che governano altri fenomeni di dipendenza come il consumo di oppiacei, l’alcolismo e persino il gioco d’azzardo. Per correre ai ripari è innanzitutto necessario utilizzare le informazioni della ricerca scientifica, che dovrebbero essere accolte da parte degli amministratori pubblici e inserite nelle linee guida di una politica sociale improntata a capillari azioni di prevenzione. E si tratta di un importante vuoto culturale da colmare, perché attualmente chi ha problemi di alimentazione, sovrappeso e obesità si rivolge ai dietologi, con costi sanitari in costante aumento. La prevenzione a livello sociale sarebbe invece l’elemento fondamentale per affrontare questo fenomeno. E per fortuna qualcosa si muove nella giusta direzione: in Italia il Ministero della Salute sta studiando un programma di educazione alimentare che cominci fin dai primi anni di formazione scolastica, coinvolgendo genitori e famiglie. Perché ognuno possa capire quali sono i cibi buoni che fanno star bene.

Le strutture cerebrali del sitema limbico implicate nei processi emotivi e comportamentali, e coinvolte anche nei fenomeni di dipendenza. Crediti: ImageZoo/Corbis

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a Attenzione al cibo “cattivo”: può dare dipendenza come alcool e droghe

  1. Sara santori

    E’difficle curare il male dell’anima!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6520 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6166 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 964 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7543 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7546 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7545 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 320 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7544
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY