Wise Society : A Barcellona i mercati comunali diventano a chilometro zero
ARTICOLI Vedi tutti >>

A Barcellona i mercati comunali diventano a chilometro zero

Un progetto del comune prevede incrementare l'offerta di prodotti locali in 25 dei 39 mercati rionali

30 novembre 2015

Barcellona punta a trasformare i suoi mercati a chilometro zero, foto: Carlo Ciccarelli/FlickrLa sindaca di Barcellona Ada Colau eletta a maggio del 2015, lo aveva promesso partecipando lo scorso 15 di ottobre al Milan Urban Food Policy Pact, il grande patto che riunisce 110 città del mondo impegnate a difendere un sistema alimentare delle aree urbane più equo e sostenibile.

Detto fatto, tornata nella capitale catalana ha messo all’ordine del giorno l’approvazione di un provvedimento in base al quale il Comune di Barcellona si impegna nei prossimi tre anni e mezzo, a trasformare 25 dei 39 mercati municipali in centri di offerta di prodotti a chilometro zero (o comunque provenienti da un raggio di 150 chilometri di distanza da Barcellona) ed ecologici.

Il piano è tuttavia già cominciato con un progetto pilota nel Mercat de la Llibertat situato nel caratteristico quartiere di Gràcia dove i 36 espositori offrono già ai loro clienti prodotti ecologici provenienti da canali di prossimità. Nell’immediato futuro sui prodotti in vendita al Mercat de la Llibertat e in altri 13 marcati rionali, i clienti troveranno etichette verdi certificate dalla Unione Europea che avviseranno i clienti che in quel mercato si vendono prodotti a chilometro 0.

«Nella nostra città ci sono 39 mercati rionali che rappresentano la principale fonte di rifornimento di prodotti freschi e locali per moltissima gente. Con sessanta milioni di visite all’anno, questi mercati si sono convertiti in centri economici importanti che generano coesione sociale e territoriale nella città», ha commentato Ada Colau.

Ma non è tutto: il governo cittadino punta a realizzare un Piano di consumo responsabile 2016/2020 che tra le altre cose prevede il rafforzamento di politiche educative per diffondere buone pratiche di consumo sostenibile e l’elaborazione di misure volte a evitare lo spreco alimentare.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25046 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 836 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9486 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24850 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25047 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 992 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10163 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14053
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY